Scrittori&giovani

Scrittori&giovani: a breve tutti i dettagli sull’edizione 2017 con tema “la ricerca”

Posted on Updated on

L’edizione 2017 del festival internazionale della letteratura “Scrittori&giovani” si terrà da giovedì 16 a sabato 25 novembre e avrà come tema “la ricerca”. Protagonisti tanto gli studenti delle scuole novaresi e della provincia tanto gli scrittori che saranno ospiti della manifestazione.

10 giorni a base di cultura aperti da un’apposita cerimonia, con invece, in chiusura, l’apprezzato bookcrossing all’aperto all’Angolo delle Ore, come da tradizione per quanto riguarda le ultime edizioni. Il programma completo, che sarà presto pubblicato, prevede la partecipazione di numerosi ospiti, e grazie a eventi nelle ore pomeridiane il destinatario sarà chiunque sia interessato, a prescindere dal fatto che frequenti o meno una scuola.

Presto sarà pubblicato il programma completo dell’edizione 2017.

Erri De Luca e il tempo della verità

Posted on Updated on

Sabato 19 novembre
EVENTI CONCLUSIVI / 2

de-lucaAlle ore 19,30, Arengo del Broletto, via Fratelli Rosselli 20, Novara. Evento a cura del Circolo dei Lettori. Incontro con Erri De Luca, autore di La natura esposta (Feltrinelli)
Erri De Luca, nato a Napoli nel 1950, a 18 anni ha iniziato l’impegno politico nella sinistra extraparlamentare fino ai trent’anni. Dopo mestieri manuali è stato volontario in Tanzania e nell’ex Jugoslavia. Il suo primo romanzo, Non ora, non qui, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre trenta lingue. Autodidatta in swahili, russo, yiddish ed ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Ha scritto per il cinema e il teatro. Pratica alpinismo e le sue montagne preferite sono le Dolomiti. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Tra i suoi libri Feltrinelli: Tu, mio (1998), Tre cavalli (1999), Montedidio (2001), In nome della madre (2006), Il peso della farfalla (2009), E disse (2011), I pesci non chiudono gli occhi (2011).

«Da lontano uno crede di vedere un varco, poi da vicino, da dentro, non lo trova più»

Joanne Harris e il tempo dei sogni

Posted on Updated on

Sabato 19 novembre
EVENTI CONCLUSIVI / 1

joanne-harrisAlle ore 17,45, Salone d’onore della Prefettura, Palazzo Natta, piazza Matteotti 1, Novara. Incontro pubblico con Joanne Harris autrice di Chocolat e Un gatto, un cappello e un nastro (Garzanti). Introduce Annarita Briganti di “Repubblica”.
Joanne Harris, scrittrice britannica, è cresciuta a cibo e folklore. Il suo primo romanzo, The Evil Seed, è stato pubblicato nel 1989. Del 1999 è Chocolat, pubblicato in Italia da Garzanti con la traduzione di Laura Grandi, che l’ha resa famosa e che è diventato un film con Juliette Binoche e Johnny Depp. A questo hanno fatto seguito Vino, patate e mele rosse (1999) e, tra gli altri, La donna alata (2003), Profumi, giochi e cuori infranti (2004), Le scarpe rosse (2007), Il ragazzo con gli occhi blu (2010), Il giardino delle pesche e delle rose (2012), Un gatto, un cappello e un nastro (2014), Il canto del ribelle (2015). I suoi libri sono pubblicati in Italia da Garzanti.

«Che cosa porteresti con te su un’isola deserta? Un gatto per tenermi compagnia. Un cappello per nascondermi. Un nastro per legare un sogno…»

Massimo Vaggi e il tempo della guerra

Posted on Updated on

Venerdì 18 novembre

vaggiAlle ore 9, Aula magna Liceo Scientifico Antonelli, via Toscana 20, Novara. Incontro con i giovani a partire da Gli apostoli del ciabattino (Paginauno) Massimo Vaggi, nato a Domodossola nel 1957, vive a Bologna dove lavora come avvocato. È consulente della Fiom e della Cgil. Ha pubblicato: Un silenzio perfetto (Pendragon, 1996), Tu, musica divina (Interlinea, 1999), Delle onde e dell’aria (Mobydick, 2002), Al mare lontano (Pendragon, 2005), Sarajevo novantadue (Paginauno, 2012) prima di Gli apostoli del ciabattino. Suoi racconti compaiono nelle antologie Sorci verdi (Alegre, 2011) e Lavoro vivo (Alegre, 2012). È uno dei fondatori e redattore di “Nuova Rivista Letteraria”.

«Ha bisogno di ricordare per restare vivo. Deve pensare subito a casa sua, deve ritrovare la nostalgia… Giuseppe non sa dove stia, quel sentimento antico, non lo sa più riconoscere e non lo sa nemmeno descrivere. Che parole ha per quell’amore?»

Paul Beatty e il tempo dell’ironia

Posted on Updated on

Venerdì 18 novembre

beattyAlle ore 12, Aula Magna Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto, baluardo Lamarmora 8/c, Novara. Incontro con i giovani a partire da Lo schiavista (Fazi). Introduce Lara Ricci del “Sole 24 Ore”
Paul Beatty, nato nel 1962 a Los Angeles, ha studiato scrittura creativa al Brooklyn College e psicologia alla Boston University. Vive a New York. È stato il primo scrittore americano ad essersi aggiudicato, nel 2016, il Man Booker Prize con il romanzo The Sellout (tradotto in Italia da Fazi con il titolo Lo schiavista), satira feroce e geniale sulla razza e la giustizia sociale. Secondo la storica Amanda Foreman, che presiedeva la giuria, il libro «raggiunge il centro della società americana contemporanea con feroce umorismo, un’ironia tagliente che si può trovare nelle opere di Swift o Twain». Tra gli altri romanzi usciti in Italia: Il blues del ragazzo bianco (Baldini & Castoldi 1997), Tuff e la sua banda (Mondadori, 2000), Slumberland (Fazi, 2010)

«Ormai è ufficiale: i negri sono esseri umani. Lo dicono tutti, perfino gli inglesi. Non ha importanza se ci credono davvero; siamo mediocri e banali come il resto della specie»

Paolo Di Paolo e il tempo delle scelte

Posted on Updated on

Giovedì 17 novembre

paolo-di-paoloAlle ore 12, presso l’Aula Magna Liceo delle Scienze Umane Bellini, baluardo Lamarmora 10. Incontro con i giovani a partire da Tempo senza scelte (Einaudi) e Una storia quasi solo d’amore (Feltrinelli)
Paolo Di Paolo, nato nel 1983, è entrato in finale al premio Calvino per l’inedito nel 2003 con i racconti Nuovi cieli, nuove carte. Ha pubblicato libri-intervista con scrittori italiani come La Capria e Dacia Maraini. Ha lavorato anche per la televisione e per il teatro. Del 2011 è Dove eravate tutti (Feltrinelli, vincitore del premio Mondello, Superpremio Vittorini), nel 2012 nella collana di e-book “Zoom” Feltrinelli La miracolosa stranezza di essere vivi. Mandami tanta vita (Feltrinelli) è stato finalista al premio Strega 2013.

«Si può agitare l’acqua di un lago con la forza delle nostre dita? Il tempo di una sola vita umana non permette di misurare il risultato di una battaglia, ma non per questo perde senso lottare»

Tim Parks e il tempo del noir

Posted on Updated on

Giovedì 17 novembre

parksAlle ore 12, presso l’Aula Magna Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto, baluardo Lamarmora 8/c Novara. Incontro con i giovani a partire da Morte in mostra (Bompiani). Introduce Mario Baudino della “Stampa”
Tim Parks, nato a Manchester nel 1954, è cresciuto a Londra e ha studiato a Cambridge e ad Harvard. Nel 1981 si è trasferito in Italia dove vive con la moglie e tre figli. Ha scritto quattordici romanzi tra i quali Europa (candidato al Booker Prize), Destino e Il silenzio di Cleaver. Tra i saggi si ricordano Un’educazione italiana, Questa pazza fede che racconta la società italiana vista attraverso il mondo del calcio, La fortuna dei Medici sulla banca fiorentina del XV secolo e il recente Insegnaci la quiete su salute e malattia. Parks ha tradotto autori italiani tra cui Moravia e Calvino. Insegna all’Università IULM di Milano e collabora con il “New York Review of Books” e “Il Sole 24 Ore”.

«Forse colleziono questi dipinti per non uccidere più. Per un attimo gli passò per la testa quel pensiero. O forse perché mi piacerebbe uccidere di nuovo, ma non ne ho più il fegato»

Valeria Montaldi e il tempo delle donne

Posted on Updated on

Giovedì 17 novembre

montaldi2Alle ore 11, Aula Magna Istituto Professionale Bellini, via Liguria 5, Novara. Incontro con i giovani a partire da La randagia (Piemme)
Alle ore 18, presso Circolo dei Lettori, via Fratelli Rosselli 20, Novara. Incontro con il pubblico.  Valeria Montaldi, nata a Milano, ha seguito studi classici e si è laureata in Storia della critica d’arte. Dopo una ventina d’anni di giornalismo dedicato a luoghi e personaggi dell’arte e del costume milanese, nel 2001 ha esordito nella narrativa con Il mercante di lana, cui sono seguiti Il signore del falco, Il monaco inglese, Il manoscritto dell’imperatore, La ribelle, La prigioniera del silenzio. I suoi romanzi sono pubblicati in Francia, Spagna, Portogallo, Germania, Grecia, Serbia, Ungheria, Brasile.

«Una che è vissuta un sacco di anni fa. Quella lì era una strega di sicuro, una delle più famose della valle… Dicono che se ha un’antenata strega non può non esserlo anche lei»

Alì Ehsani e il tempo del futuro

Posted on Updated on

Giovedì 17 novembre

Alle ore 10,15, presso l’Aula Magna Istituto di Istruzione Superiore Fermi, via Montenero 15/A, Arona

Venerdì 18 novembre

ali-ehsaniAlle ore 9, presso l’Aula Magna Liceo Scientifico Galileo Galilei, via Aldo Moro 13, Borgomanero
Alle ore 11, presso l’Aula Magna Liceo delle Scienze Umane Galileo Galilei, via Gentile 33, Gozzano
Incontro con i giovani a partire da Stanotte guardiamo le stelle (Feltrinelli). Alì Ehsani, nato nel 1989 a Kabul, ha perso i genitori all’età di otto anni ed è fuggito dall’Afghanistan insieme con suo fratello in cerca di un futuro migliore in Europa. Dopo un drammatico viaggio durato cinque anni, dal 2003 vive a Roma dove studia e lavora.

«“Non voglio andare via, Mohammed. Sono solo un bambino” ho piagnucolato. “Siamo come gli uccelli” hai detto. “Perché?” “Perché gli uccelli volano liberi e noi voleremo lontano”»

Ed ecco un contributo sull’incontro scritto da uno studente dell’Istituto d’Istruzione Superiore Fermi di Arona:

L’incontro con Alì Hesani è stato, a parer mio, molto interessante.
Lui non solo ci ha presentato il suo libro, ma ha anche cercato di farci capire la sua storia: capire le difficoltà e i dolori del rifugiato, costretto a scappare dal proprio paese per colpa di guerre che non ha voluto , ma anche la gioia dell’essere accolti, e del poter dire, dopo lungo tempo, di essere nuovamente a casa. Ci ha voluto anche raccontare l’importanza dello studio, a volte sottovalutata, e della disponibilità nei confronti degli altri, ancor più sminuita.

Marco Ricci V B ginnasio

Sveva Casati Modignani e il tempo degli incontri inattesi

Posted on Updated on

Mercoledì 16 novembre

Sov _La moglie magica2.inddAlle ore 18, presso il Circolo dei Lettori, via Fratelli Rosselli 20, Novara. Incontro con il pubblico a partire dal libro Dieci e lode (Sperling&Kupfer)
Alle ore 19,45, presso l’Hostaria I 2 Ladroni, corso Cavallotti 15, Novara. Apericena letterario in onore della scrittrice Sveva Casati Modignani. (Euro 30 compresa copia del libro autografato dall’autrice che sarà presente: prenotazione entro il 14 novembre allo 0321 1992282)
Sveva Casati Modignani è uno pseudonimo dietro il quale sono celati i coniugi Bice Cairati e il marito Nullo Cantaroni. Bice ha continuato a usare il nom de plume anche dopo la morte del marito, dando seguito a una produzione letteraria di grande successo che data ormai dal 1981. Tutti i libri da quell’anno sono stati editi da Sperling&Kupfer, tranne Il diavolo e la rossumata, pubblicato da Mondadori nel 2012. Tra i suoi romanzi vanno ricordati almeno Lezione di tango (1998), Qualcosa di buono (2004), Palazzo Sogliano (2013), La moglie magica (2014) e il più recente Dieci e lode (2016).

«Passiamo tanto tempo a inseguire sogni che ci sfuggono di mano, una felicità che non si lascia catturare…»