Gian Luca Favetto e la ricerca della parola

Posted on Updated on

Sabato 18 novembre, ore 20, Piccolo Teatro Grassi, via Rovello 2, Milano.
Reading con musica di Fabio Barovero a partire da Il viaggio della parola (Interlinea).

Gian Luca Favetto è nato nel 1957 a Torino. Scrittore, giornalista, drammaturgo, critico teatrale e cinematografico, conduce anche programmi radiofonici su RadioRai e collabora con “Repubblica”. Gioca nella Nazionale Italiana Scrittori nel ruolo di portiere. Oltre che poeta è autore di libri di narrativa come La vita non fa rumore (Mondadori) e Premessa per un addio (NN editore).

 

Il viaggio della parola (Interlinea): «Nel tintinnare delle parole è la prova che la lingua cammina» scrive Gian Luca Favetto nel nuovo viaggio letterario che fa fare alle parole: è un itinerario dall’autore al lettore, da una scrivania di Torino alle strade di New York, nella consapevolezza che «l’alfabeto è l’immaginazione del mondo». Ogni testo in poesia è un passaggio, una svolta, un frammento del mosaico che compone il mondo dei libri, a partire dall’atto creativo di chi «semina le parole come briciole» usando un computer che «scrive a penna / anche il silenzio scrive / e non lo dice». In ogni momento (pure nel lavoro dell’editore che «rosicchia le parole… le fa sue in pasto al mondo») c’è un cuore che batte lungo questo viaggio ed è il tempo: «verrà porterà via il mio amore, / ho imparato e lo lascio andare». Così Favetto riesce a dare un’anima ai libri e alla scrittura perché in fondo «soltanto la parola custodisce».

«Nel tintinnare delle parole è la prova che la lingua cammina, nessuna lapide la imprigiona»

Francesco Sole e la ricerca dell’autenticità

Posted on Updated on

Sabato 18 novembre, ore 17, Circolo dei lettori, Broletto, via Rosselli 20, Novara.
Reading musicale.

Francesco Sole, all’anagrafe Gabriele Dotti, è nato a Modena nel 1992. Dopo il liceo classico e la facoltà di Economia arriva al successo improvvisamente grazie ai video caricati su YouTube con temi quali i primi amori e il rapporto con i social network. La portata raggiunta è tale da farlo debuttare sul piccolo schermo al fianco di Belén Rodríguez nel format di Maria De Filippi Tú sí que vales. Come interprete è apparso nel film di Fausto Brizzi Forever Young, mentre ha pubblicato i libri Stati d’animo su fogli di carta, Mollato cronico e Ti voglio bene. #poesie, editi da Mondadori.

 

 

Ti voglio bene #poesie (Mondadori): Le #poesie che hanno generato milioni di visualizzazioni sul web diventano un libro: «Da quando ho iniziato a scrivere poesie ho trovato il coraggio di esprimere ciò che provo, senza vergognarmi di condividere gli aspetti e le sensazioni più forti della mia vita. Proprio attraverso la condivisione ho imparato che siamo tutti contenitori di emozioni. Ciò mi ha permesso di togliere quella maschera che troppo spesso la società ti obbliga a indossare. Abbiamo bisogno di amore, chiarezza, sincerità, felicità e gentilezza. Ed è per questo che vi invito a fare lo stesso. Attraverso queste pagine le mie parole diventano vostre: potete aggiungere versi, decorarle, farne tesoro e poi condividerle con le persone a voi più care attraverso i social network usando #tivogliobene. Vi basterà un click sull’hashtag per riconoscervi negli occhi di qualcun altro».

«Proprio attraverso la condivisione ho imparato che siamo tutti contenitori di emozioni»

Matteo Strukul e la ricerca della gloria

Posted on Updated on

Venerdì 17 novembre, ore 11, Aula Magna Istituto Tecnico Industriale Leonardo Da Vinci, via Aldo Moro 13, Borgomanero.
Incontro con i giovani a partire da I Medici. Decadenza di una famiglia (Newton Compton).

Venerdì 17 novembre, ore 18, Circolo dei lettori, via Rosselli 20, Novara.
Incontro con Matteo Strukul, a colloquio con Eleonora Groppetti.

Matteo Strukul vive tra Padova, dov’è nato, Berlino e la Transilvania. Dottore di ricerca in Diritto europeo dei contratti, appassionato di musica rock, birra e hockey su ghiaccio, ha pubblicato romanzi, biografie musicali e albi a fumetti, oltre ad avere effettuato traduzioni. Ha fondato con Matteo Righetto il movimento letterario Sugarpulp e il 2017 è l’anno della sua consacrazione con il premio Bancarella per il primo romanzo su I Medici.

 

 

 

 

I Medici. Decadenza di una famiglia (Newton Compton): La Parigi del diciassettesimo secolo è l’essenza del vizio e della violenza. Maria de’ Medici, da poco sposa di Enrico IV di Borbone, si trova ben presto a fare i conti con le mire rapaci di Henriette d’Entragues. Con un documento scritto, Enrico stesso ha promesso alla propria favorita di prenderla in moglie, e ora quel foglio è l’arma con la quale ricattarlo. Ma non è l’unica minaccia: un’altra arriva da un gruppo di nobili che cospirano per rovesciare il trono. Avvertendo che le sorti proprie e del re sono sempre più critiche, Maria decide allora di affidarsi a Mathieu Laforge, spia e sicario abilissimo, capace di sventare più di una congiura. Ma la regina non sa ancora che il suo destino sarà segnato dalla lotta costante contro coloro che vogliono la fine del suo regno. Quando Enrico IV di Borbone muore, vittima dell’ennesimo complotto, all’orizzonte si profila, inarrestabile, l’ascesa di un astro di prima grandezza della politica francese: il cardinale di Richelieu. Sarà proprio lui, dopo la morte del re, ad acquisire un potere sempre maggiore, tradendo colei che più di chiunque altro ne aveva favorito la fortuna: Maria de’ Medici.

«Le domande non costavano fatica. Le risposte invece erano tutt’altra storia»

Alessandro Barbero e la ricerca della memoria

Posted on Updated on

17 novembre, ore 10,30, Castello di Novara, piazza Martiri della Libertà, Novara.
Lezione magistrale di Alessandro Barbero sul tema Raccontare e spiegare le guerre in occasione dell’uscita del libro Caporetto (Laterza).

Alessandro Barbero, nato a Torino nel 1959, è uno storico, scrittore e professore universitario all’Università del Piemonte Orientale, specializzato in storia militare e storia del Medioevo. Nel 1996 ha vinto il premio Strega con Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo (Mondadori). Collabora con la Rai per vari programmi tra cui SuperQuark, Il tempo e la storia, a.C.d.C. ed è membro del comitato di redazione della rivista “Storica” e collabora con alcuni quotidiani nazionali tra cui “La Stampa” e “Il Sole 24 Ore”.

 

Caporetto (Laterza): Alle due del mattino del 24 ottobre 1917, i cannoni austro-tedeschi cominciarono a colpire le linee italiane. All’alba le Sturmtruppen, protette dalla nebbia, andarono all’assalto. In poche ore, le difese vennero travolte e la sconfitta si trasformò in tragedia nazionale. Oggi sappiamo che quel giorno i nostri soldati hanno combattuto, eccome, finché hanno potuto. Ma perché l’esercito italiano si è rivelato così fragile, fino al punto di crollare?
Da cent’anni la disfatta di Caporetto suscita le stesse domande: fu colpa di Cadorna, di Capello, di Badoglio? I soldati italiani si batterono bene o fuggirono vigliaccamente? Ma il vero problema è un altro: perché dopo due anni e mezzo di guerra l’esercito italiano si rivelò all’improvviso così fragile? L’Italia era ancora in parte un paese arretrato e contadino e i limiti dell’esercito erano quelli della nazione. La distanza sociale tra i soldati e gli ufficiali era enorme: si preferiva affidare il comando dei reparti a ragazzi borghesi di diciannove anni, piuttosto che promuovere i sergenti – contadini o operai – che avevano imparato il mestiere sul campo. Era un esercito in cui nessuno voleva prendersi delle responsabilità, e in cui si aveva paura dell’iniziativa individuale, tanto che la notte del 24 ottobre 1917, con i telefoni interrotti dal bombardamento nemico, molti comandanti di artiglieria non osarono aprire il fuoco senza ordini. Un paese retto da una classe dirigente di parolai aveva prodotto generali capaci di emanare circolari in cui esortavano i soldati a battersi fino alla morte, credendo di aver risolto così tutti i problemi. In questo libro Alessandro Barbero ci offre una nuova ricostruzione della battaglia e il racconto appassionante di un fatto storico che ancora ci interroga sul nostro essere una nazione.

«L’illusione che al di là del fiume ci fosse la salvezza»

Simonetta Agnello Hornby e la ricerca della giustizia

Posted on Updated on

16 novembre, ore 21,30, Arengo del Broletto, via Rosselli 20, Novara.
Incontro con il pubblico a partire da Nessuno può volare (Feltrinelli) a colloquio con Barbara Cottavoz, interviene George Hornby.

Simonetta Agnello Hornby, palermitana, vive dal 1972 a Londra. Ha esercitato la professione di avvocato specializzato in diritto di famiglia e minori. L’esigenza di difendere i più deboli si è estesa al campo dell’insegnamento quando è stata docente all’Università di Leicester e presidente dello Special Educational Needs and Disability Tribunal. Il suo romanzo d’esordio è La Mennulara, best seller tradotto in 19 lingue. Ha girato un docufilm per laeffe, Nessuno può volare, che è anche il titolo del nuovo libro.

 

 

Nessuno può volare (Feltrinelli): Quando si nasce in una famiglia come quella di Simonetta Agnello Hornby, si cresce con la consapevolezza che si è tutti normali, ma diversi, ognuno con le proprie caratteristiche, talvolta un po’ “strane”. E allora con naturalezza «di un cieco si diceva “non vede bene”, del claudicante “fa fatica a camminare”, dell’obeso “è pesante”, dell’invalido “gli manca una gamba”, dello sciocco “a volte non capisce”, del sordo “con lui bisogna parlare ad alta voce”», senza mai pensare che si trattasse di difetti o menomazioni. Attraverso una serie di ritratti sapidi e affettuosi, facciamo così la conoscenza di Ninì, sordomuta, della bambinaia Giuliana, zoppa, del padre con una gamba malata, e della pizzuta zia Rosina, cleptomane – quando l’argenteria scompare dalla tavola, i parenti le si avvicinano di soppiatto per sfilarle le posate dalle tasche, piano piano, senza che se ne accorga, perché non si deve imbarazzare… E poi naturalmente conosciamo George, il figlio maggiore di Simonetta. Non è facile accettare la malattia di un figlio, eppure è possibile, e la chiave di volta risiede proprio in quel “nessuno può volare”: «Come noi non possiamo volare, così George non avrebbe più potuto camminare: questo non gli avrebbe impedito di godersi la vita in altri modi. Nella vita c’è di più del volare, e forse anche del camminare. Lo avremmo trovato, quel di più». Lo stesso proposito quotidiano ci arriva anche da George – che da quindici anni convive con la sclerosi multipla –, la cui voce si alterna a quella della madre come un controcanto ironico ma deciso nel raccontare i tanti ostacoli, e forse qualche vantaggio, di chi si muove in carrozzella. Simonetta Agnello Hornby ci porta con sé in un viaggio dalla Sicilia ai parchi di Londra, attraverso le bellezze artistiche dell’Italia. Un viaggio che è anche – soprattutto – un volo al di sopra di pregiudizi e luoghi comuni, per consegnarci, insieme a molte storie toccanti, uno sguardo nuovo. Più libero.

«La contentezza bisogna cercarla, costruirla pietra su pietra, con quelle pietre che si trovano, come se fosse una casa»

Clara Sánchez e la ricerca di una svolta nella vita: anteprima con una delle scrittrici più amate al mondo

Posted on Updated on

15 novembre, ore 21, Salone d’onore della Prefettura, Palazzo Natta, piazza Matteotti 1, Novara.
Apertura con Clara Sánchez, autrice di La forza imprevedibile delle parole (Garzanti) a colloquio con Annarita Briganti di “Repubblica”.

Una delle scrittrici più amate al mondo

Aspettando Scrittori&giovani 2017 (15-25 novembre)

Clara Sánchez è una delle scrittrici più famose nel mondo. Nata a Guadalajara nel 1955, vive a Madrid dopo la laurea in filologia. Nel 2010 ha vinto il premio Nadal, il più antico e prestigioso in Spagna, con il romanzo Lo que esconde tu nombre, tradotto in italiano con il titolo Il profumo delle foglie di limone. Dopo il successo internazionale di Stupore di una notte di luce (2016), torna con un nuovo romanzo che ha per protagonista una donna alla ricerca di una svolta nella propria vita, intrappolata in una rete di falsità e segreti.

 

 

La forza imprevedibile delle parole (Garzanti): All’improvviso il silenzio della casa sembra avvolgere ogni cosa. Natalia ha appena accompagnato le figlie all’aeroporto e non le resta che aspettare il ritorno del marito dal lavoro. Non è questa la vita che aveva immaginato. Non era così che si vedeva dopo i quarant’anni. Per questo quando le arriva l’invito a un aperitivo nell’elegante casa di un’amica decide di accettare. Ma quello che doveva essere un tranquillo pomeriggio di chiacchiere diventa qualcosa di più. Perché quella sera Natalia incontra l’affascinante Raúl Montenegro. L’ombroso avventuriero la conquista con i suoi racconti e, accanto a lui, Natalia ritrova una voglia di vivere che credeva perduta. Perché a volte le parole hanno un potere inaspettato e la loro forza può essere imprevedibile. Dal giorno seguente, però, Natalia comincia a ricevere strani biglietti, che la riempiono di dubbi. Non riesce a spiegarsi questo comportamento di Raúl: nulla durante il loro primo incontro le aveva lasciato presagire di non potersi fidare di lui. Finché l’uomo le propone un incontro al quale poi non si presenta. Al suo posto c’è uno sconosciuto, che le rivela che Raúl è fuori città. Natalia non riesce a credergli: capisce che l’incontro di quella sera forse non è stato casuale; capisce che qualcosa le viene nascosto. Ma non può immaginare che quel qualcosa sia il centro di un fitto intrico di inganni e di bugie. E Natalia si scopre suo malgrado pedina di una partita che può vincere solo trovando dentro di sé tutta la forza di cui è capace.

«Pensi davvero che ogni incontro sia casuale? Non credere a nessuno. Non è oro tutto quello che luccica»

Edizione 2017 “la ricerca”: svelato il programma

Posted on Updated on

La nuova edizione del festival Scrittori&giovani sta per iniziare. Al via ufficiale da mercoledì 15 novembre 2017. Come sempre a partecipare alle giornate di festival sono soprattutto i giovani con le loro scuole, ma il festival si apre anche a incontri pomeridiani e serali per il pubblico adulto, durante tutta la settimana che va dal 15 al 25 novembre 2017. Di seguito il programma generale del festival:

 

 

 

 

 

Programma completo dell’edizione 2017
del festival internazionale Scrittori&giovani

Mercoledì 15 novembre. ANTEPRIMA

Ore 21: Salone d’onore della Prefettura, Palazzo Natta, piazza Matteotti 1, Novara, cerimonia d’apertura con Clara Sánchez, autrice di La forza imprevedibile delle parole (Garzanti), a colloquio con Annarita Briganti di “Repubblica”

 

Giovedì 16 novembre

Ore 21,30: Arengo del Broletto, via Rosselli 20, Novara, incontro con Simonetta Agnello Hornby, autrice di Nessuno può volare (Feltrinelli), a colloquio con Barbara Cottavoz, interviene George Hornby

 

Venerdì 17 novembre

Ore 10,30: Castello di Novara, lezione magistrale di Alessandro Barbero sul tema “Raccontare e spiegare le guerre” in occasione dell’uscita del libro Caporetto (Laterza)

Ore 11: ITI Leonardo da Vinci, via Aldo Moro 13, Borgomanero, incontro con il premio Bancarella Matteo Strukul, autore di I Medici (Newton Compton)

Ore 18: Circolo dei lettori, via Rosselli 20, Novara, incontro con Matteo Strukul, a colloquio con Eleonora Groppetti

 

Sabato 18 novembre

Ore 17: Circolo dei lettori, via Rosselli 20, Novara, reading musicale di Francesco Sole, autore di Ti voglio bene. #poesie (Mondadori)

Ore 20: Piccolo Teatro Grassi, via Rovello 2, Milano, reading di Gian Luca Favetto, autore di Il viaggio della parola (Interlinea), con musica di Fabio Barovero

 

Domenica 19 novembre

Ore 12,30: Fondazione Adolfo Pini, corso Garibaldi 2, Milano, Lyra giovani: una nuova generazione di poeti, con Franco Buffoni e Roberto Cicala che presentano Marco Corsi e Maddalena Bergamin

Ore 15: Libreria Mondadori, via Cavour 4, Vercelli, incontro e firma copie con Gianrico Carofiglio autore di Le tre del mattino (Einaudi)

Ore 16,30: Circolo dei lettori, via Rosselli 20, Novara, tè con Margherita Oggero, autrice di Non fa niente (Einaudi)

 

Lunedì 20 novembre

Ore 11: Liceo Artistico Musicale e Coreutico Felice Casorati, Via Greppi 18, Novara, appuntamento con Enrico Palandri, autore di L’inventore di se stesso (Bompiani)

Ore 11: Istituto Professionale Bellini, via Liguria 5, Novara, incontro con Saverio Tommasi, autore di Siate ribelli, praticate gentilezza (Sperling&Kupfer)

Ore 12: Istituto Tecnico Industriale Fauser, Via Ricci 14, Novara, incontro con Kader Abdolah, autore di Il corvo e Scrittura cuneiforme (Iperborea)

Ore 18: Biblioteca Civica Negroni, corso Cavallotti 6, Novara, incontro con Saverio Tommasi, a colloquio con Barbara Bozzola, in diretta streaming

Ore 20: Circolo dei lettori, via Rosselli 20, Novara, cena letteraria con Marco Scardigli, autore di Il viaggiatore di battaglie (Utet), libro con dedica compreso nel menu (prenotazioni allo 0321 1992282 entro venerdì 17 novembre)

 

Martedì 21 novembre

Ore 10: Liceo delle Scienze Umane Bellini, baluardo La Marmora 10, Novara, incontro con Paola Calvetti, autrice di Gli innocenti (Mondadori)

Ore 12 e ore 15: Liceo delle Scienze Umane Bellini, baluardo La Marmora 10, Novara,
“Omaggio ai libri cavallereschi tra Ariosto e Boiardo”, interviene Andrea Canova

Ore 18: Aula Magna della Scuola di Medicina UPO, via Solaroli 17, incontro con Tiziana Ferrario, autrice di Orgogli e pregiudizi (Chiarelettere), a colloquio con Paolo Pomati, Silvia Garavaglia e Fabrizia Fantini

 

Mercoledì 22 novembre

Ore 10: Liceo Scientifico Antonelli, via Toscana 20, Novara, incontro con Laura Pariani, autrice di La foto di Orta (Interlinea)

Ore 10: Istituto Professionale Statale Ravizza, via Odescalchi 11, Novara, incontro con Paolo Taggi, autore di Di niente, del mare (Interlinea)

Ore 11: Istituto Tecnico Agrario Bonfantini, corso Risorgimento 405, Novara, incontro con Vanni Oddera, autore di Il grande salto (Ponte alle Grazie)

Ore 12: Istituto Professionale Statale Ravizza, corso Risorgimento 405, Novara, incontro con Paolo Taggi

 

Giovedì 23 novembre

Ore 11: Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto, baluardo La Marmora 8/c, Novara, incontro con Silvia Avallone, autrice di Da dove la vita è perfetta e Acciaio (Rizzoli)

Ore 11: ITI Omar, b.do La Marmora 12, Novara, incontro con Fabio Genovesi, autore di Il mare dove non si tocca (Mondadori), a colloquio con Erica Bertinotti

Ore 18: Biblioteca Civica Negroni, corso Cavallotti 4, Novara, mostra “La nascita di uno scrittore: Vassalli prima della Chimera”

Ore 21: Archivio di Stato, via dell’Archivio 2, Novara, incontro con Fabio Genovesi, a colloquio con Alessandro Barbaglia

 

Venerdì 24 novembre

Ore 10: Liceo Scientifico Fermi, via Montenero 15/A, Arona, incontro con Paolo di Paolo, autore di Mandami tanta vita (Feltrinelli)

Ore 11: Istituto tecnico Economico Mossotti, via Curtatone 5, Novara, incontro con Helena Janeczek, autrice di La ragazza con la Leica (Guanda)

Ore 12: Liceo Linguistico e delle Scienze Umane Galileo Galilei, Via Gentile 33, Gozzano, incontro con Federica Manzon, autrice di La nostalgia degli altri (Feltrinelli)

Ore 12: Liceo Scientifico Galileo Galilei, Via Aldo Moro 13, Borgomanero, incontro con Paolo di Paolo

Ore 12: Istituto Superiore Lagrangia, corso Italia 48, Vercelli, incontro con Jessica Alexander,
autrice di Il metodo danese per crescere bambini felici ed essere genitori sereni (Newton Compton)

Ore 17: Libreria Mondadori, Via Cavour 4, Vercelli, appuntamento con Paolo di Paolo

Ore 18: Convitto Carlo Alberto, baluardo Partigiani 6, Novara, incontro con Jessica Alexander, dialogando con la giornalista Elena Ferrara

 

Sabato 25 novembre

Ore 12: Biblioteca del Centro Novarese di Studi Letterari, corso Cavallotti 6, Novara, “I libri di uno scrittore giornalista: Enrico Emanuelli” con letture e presentazione del nuovo numero di “Microprovincia” nel 50° della morte dello scrittore, con Franco Esposito

Ore 14-17: Angolo delle Ore, Novara, Bookcrossing, con reading e musica del B&G Duo con Andrea Albini e Manuel Boschetti

 

ATTIVITÀ COLLATERALI

Laboratorio di scrittura creativa per disabili (Anffas) a cura di Giovanni Moreddu

Laboratorio di comunicazione social e giornalismo, a cura di Noisiamofuturo

Laboratorio di editoria

Concorso Booktrailer

Scrittori&giovani: a breve tutti i dettagli sull’edizione 2017 con tema “la ricerca”

Posted on Updated on

L’edizione 2017 del festival internazionale della letteratura “Scrittori&giovani” si terrà da giovedì 16 a sabato 25 novembre e avrà come tema “la ricerca”. Protagonisti tanto gli studenti delle scuole novaresi e della provincia tanto gli scrittori che saranno ospiti della manifestazione.

10 giorni a base di cultura aperti da un’apposita cerimonia, con invece, in chiusura, l’apprezzato bookcrossing all’aperto all’Angolo delle Ore, come da tradizione per quanto riguarda le ultime edizioni. Il programma completo, che sarà presto pubblicato, prevede la partecipazione di numerosi ospiti, e grazie a eventi nelle ore pomeridiane il destinatario sarà chiunque sia interessato, a prescindere dal fatto che frequenti o meno una scuola.

Presto sarà pubblicato il programma completo dell’edizione 2017.

Erri De Luca e il tempo della verità

Posted on Updated on

Sabato 19 novembre
EVENTI CONCLUSIVI / 2

de-lucaAlle ore 19,30, Arengo del Broletto, via Fratelli Rosselli 20, Novara. Evento a cura del Circolo dei Lettori. Incontro con Erri De Luca, autore di La natura esposta (Feltrinelli)
Erri De Luca, nato a Napoli nel 1950, a 18 anni ha iniziato l’impegno politico nella sinistra extraparlamentare fino ai trent’anni. Dopo mestieri manuali è stato volontario in Tanzania e nell’ex Jugoslavia. Il suo primo romanzo, Non ora, non qui, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre trenta lingue. Autodidatta in swahili, russo, yiddish ed ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Ha scritto per il cinema e il teatro. Pratica alpinismo e le sue montagne preferite sono le Dolomiti. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Tra i suoi libri Feltrinelli: Tu, mio (1998), Tre cavalli (1999), Montedidio (2001), In nome della madre (2006), Il peso della farfalla (2009), E disse (2011), I pesci non chiudono gli occhi (2011).

«Da lontano uno crede di vedere un varco, poi da vicino, da dentro, non lo trova più»

Joanne Harris e il tempo dei sogni

Posted on Updated on

Sabato 19 novembre
EVENTI CONCLUSIVI / 1

joanne-harrisAlle ore 17,45, Salone d’onore della Prefettura, Palazzo Natta, piazza Matteotti 1, Novara. Incontro pubblico con Joanne Harris autrice di Chocolat e Un gatto, un cappello e un nastro (Garzanti). Introduce Annarita Briganti di “Repubblica”.
Joanne Harris, scrittrice britannica, è cresciuta a cibo e folklore. Il suo primo romanzo, The Evil Seed, è stato pubblicato nel 1989. Del 1999 è Chocolat, pubblicato in Italia da Garzanti con la traduzione di Laura Grandi, che l’ha resa famosa e che è diventato un film con Juliette Binoche e Johnny Depp. A questo hanno fatto seguito Vino, patate e mele rosse (1999) e, tra gli altri, La donna alata (2003), Profumi, giochi e cuori infranti (2004), Le scarpe rosse (2007), Il ragazzo con gli occhi blu (2010), Il giardino delle pesche e delle rose (2012), Un gatto, un cappello e un nastro (2014), Il canto del ribelle (2015). I suoi libri sono pubblicati in Italia da Garzanti.

«Che cosa porteresti con te su un’isola deserta? Un gatto per tenermi compagnia. Un cappello per nascondermi. Un nastro per legare un sogno…»