Paolo D’Altan e il gusto dell’arte

Posted on Updated on

Martedì 27 ottobre
Incontro aperto al pubblico

Ore 18, Fondazione Faraggiana, via Bescapè 12, Novara
Incontro con il pubblico su L’arte dalla carta al monitor. Introduce Vittorio Minola

Paolo D’Altan, illustratore, vive e lavora a Milano. Nel 1987, dopo gli studi classici e la Scuola d’arteapplicata del Castello Sforzesco di Milano, inizia a lavorare per le maggiori agenzie di pubblicità.Successivamente si avvicina al mondo dell’editoria per ragazzi e la sua esperienza si completa conillustrazioni per diversi magazine. Tra i riconoscimenti ottenuti: due ori dall’Art directors club italianoper l’illustrazione pubblicitaria (1991 e 1995), premio Annual Illustratori e Unicef (1995) Nel 2011ottiene il premio Andersen come miglior illustratore dell’anno. Tra le opere da lui illustrate di recentesi segnalano Emilio Salgari navigatore di sogni su testo di Serena Piazza perRizzoli, che ha pubblicato anche Fratelli d’Italia. L’inno nazionale illustrato.D’Altan non disdegna libri per bambini leggibili anche dagli adulti come Il musicistadel Titanic di Sebastiano RuizMignone edito da Interlinea, mentre Spartaco (sutesto di Strauss Barry) è pubblicato da Laterza nel 2014.

«Da quando ho scoperto i colori, dopo il liceo, non ho più smesso di sognare»

Anne-GineGoemans e il gusto di volare

Posted on Updated on

Martedì 27 ottobre

Alle ore 11, presso l’Aula Magna Liceo Classico e Linguistico Carlo Albertobaluardo Lamarmora 8/c, Novara .Incontro con i giovani a partire da La planata (Iperborea)
goemAnne-GineGoemans, olandese, è scrittrice, giornalista e insegnante di giornalismo alla HogeschoolUtrecht. Ha ottenuto nel 2008 l’Anton Wachterprijs per il miglior romanzo d’esordio conZiekzoekers. La planata ha vinto il premio Dioraphte e sta per essere adattato in un film: raccontala famiglia, il progresso che cancella i luoghi, la lotta degli uccelli per non cedere
il cielo agli aerei e il coraggio di volare.

«Avrebbe dovuto fare il lavoro del padre, ma Ide Warrens preferiva
seguire i suoi sogni»

Marco Neirotti e il gusto di resistere

Posted on Updated on

Martedì 27 ottobre

ore 10.30 Liceo scientifico san Lorenzo, baluardo Lamarmora 14, Novara.
Incontro con i giovani a partire da Stazione di sosta (Interlinea)
Marco Neirotti nato a Torino nel 1954, collaboratore del primo “Tuttolibri” e dal 1978 alla “Stampa”,premio Saint Vincent 1998 di giornalismo, è stato inviato per fatti come i delitti di Novi Ligure,Cogne, Erba o per disastri come Thyssen e terremoto dell’Aquila; ha realizzato inchieste su criminalitàstraniera, prostituzione, pedofilia, immigrazione, mondo carcerario e psichiatrico. È autore ditesti di narrativa (Assassini di carta, Marsilio, 1987; In fuga con Frida, Marsilio, 1991; La vocazionedel falco, Mondadori, 1998; Anime schiave, Editori Riuniti, 2002), saggistica (Invito alla lettura diFulvio Tomizza, Mursia, 1979) e traduzioni. Stazione di sosta è la cronaca di un tumorealla fine sconfitto.

«Da malati si capisce di non vivere soli, ma incatenati a un essere di un altro dominio da cui ci separano abissi, qualcosa che non si conosce e da cui non riusciamo a farci comprendere. Il nostro corpo»

Antonio Ferrara e il gusto di sfidare i pregiudizi

Posted on Updated on

Martedì 27 ottobre

Alle ore 10,30, presso l’Istituto Professionale Statale Ravizza, corso Risorgimento 405, Novara. Incontro con i giovani a partireda Batti il muro. Quando i libri salvano la vita (Rizzoli) e Cuori d’ombra (Salani).
Antonio Ferrara è autore e illustratore di numerosi libri per ragazzi, tra cui Anguilla (Salani) ed Ero cattivo (San Paolo), vincitore del premio Andersen. È nato a Portici, vicino a Napoli, nel 1957e vive a Novara. Ha compiuto studi artistici e ha lavorato per sette anni presso una comunitàalloggio per minori, dove ha imparato a frequentare i sogni dei ragazzi e a non prendersi maitroppo sul serio. Per lui «un libro non dovrebbe mai lasciarci uguali a prima di averloletto; dovrebbe sempre essere, in qualche modo, un romanzo di formazione». Hascritto il recente Cuore d’ombra con Silvia Roncaglia.

«Sono le storie a salvarti»

Cristina Caboni e il gusto di sentirsi a casa

Posted on Updated on

Lunedì 26 ottobre
Incontro aperto al pubblico

Alle ore 18, presso la Biblioteca Civica Negroni, corso Cavallotti 6, Novara
Incontro con il pubblico a partire da La custode del miele e delle api (Garzanti).
Introduce Alessandro Barbaglia.
Cristina Caboni vive con il marito e i tre figli in provincia di Cagliari, dove si occupa dell’aziendaapistica di famiglia. È l’autrice del Sentiero dei profumi, adorato dai lettori e dalla stampa, cheha conquistato la vetta delle classifiche italiane e straniere. Nel nuovo libro regala un romanzopieno di vita: «una storia che ci prende la mano e ci porta dove i nostri sogni possono aprire laporta all’amore».

«Ho perso la strada, ma l’erica mi dona coraggio. Con l’acacia ritrovo
la forza, perché il miele è la mia casa»

Luca Doninelli e il gusto dell’esistenza

Posted on Updated on

Lunedì 26 ottobre

Alle ore 10, Aula Magna Liceo Scientifico Antonelli via Toscana 20, Novara.
Incontro con i giovani a partire da Le cose semplici (Bompiani). Introduce Roberto Cicala.
Luca DoninellDoninelliFotoi è nato a Leno, in provincia di Brescia, nel 1956. Oltre che narratore, è critico teatrale e giornalista. È autore di numerosi romanzi (su tutti, La revoca, edito da Garzanti nel 1992, premio Selezione Campiello), anche per ragazzi (come Tobia e Giuseppe). Per il teatro è autore, fra l’altro, del testo Ite Missa Est, che ha debuttato nel 2002 con la regia di Claudio Longhi. Ha pubblicato una serie di Conversazioni con Giovanni Testori (Guanda, 1993) una seriedi «scritti insurrezionali» su Milano dal titolo Il crollo delle aspettative (Garzanti, 2005). Nel recente Le cose semplici un giovane incontra a Parigi una ragazzinaenfant prodige della matematica e i due s’innamorano fino a sposarsi, ma qualcosas’inceppa in loro e nel mondo…

«I dolori sono più gravi ma più facili da sopportare; nelle cose grosse ci si sbriga più facilmente che in quelle piccole»

Lucilla Giagnoni per Sebastiano Vassalli – Il gusto della memoria

Posted on Updated on

Lunedì 26 ottobre
Incontro aperto al pubblico

BUON COMPLEANNO, SEBASTIANO!
ore 21, Teatro Salesiani, baluardo Lamarmora 14, Novara
Ingresso libero fino a esaurimenti posti con apertura teatro alle ore 20,30
Lucilla Giagnoni in Acquadoro, spettacolo teatrale tratto da L’oro del mondo di Sebastiano Vassalli edito da InterlineaUn progetto di Lucilla Giagnoni e Paolo Pizzimenti con Lucilla Giagnoni e Marco Tamagni.

Lucilla Giagnoni ha frequentato La Bottega di Gassman a Firenze, lavorando con Gassman stesso, Paolo Giuranna e Jeanne MoreGiagnoniau. Dal 1985 al 2002 quasi tutto ilsuo lavoro si è concentrato al Teatro Settimo di Gabriele Vacis. Ha partecipato a moltialtri progetti e dal 1997 tiene il corso di narrazione alla Scuola Holden di Torino. Trai suoi successi Vergine Madre, Big Bang e Chimera tratto dal capolavoro di SebastianoVassalli.

L’oro del mondo (Interlinea). Lo spettacolo è tratto da questo libro di Sebastiano Vassalli. «Viviamo per quelle poche pagliuzze di felicità che rimangono in fondo alla memoria come l’oro sul fondo della bàtea»: sulle rive del Ticino i cercatori d’oro sperano di scovare nel fiume un poco di fortuna e lo fanno accanto a bracconieri, ambulanti e barcaioli. Così, in una specie di frontiera americana alla Mark Twain, tra la città di Milano e la pianura del Piemonte, tutti tentano di voltare le spalle alle macerie del conflitto appena finito. Li osserva un giovane Huckleberry Finn padano, il protagonista dai tratti autobiografici di una storia emblematica dell’ultimo dopoguerra, quando gran parte della popolazione al nord soffre la fame, bestiario umano di opportunismi, odi, sacrifici e speranze. Torna uno dei romanzi più belli dell’autore della Chimera con un testo inedito in ricordo di Giulio Einaudi, l’editore che scelse L’oro del mondo tra gli ultimi libri voluti da lui personalmente nella non più sua casa editrice. Questa narrazione picaresca (che apre squarci su epoche e piani diversi con temi come l’eccidio di Cefalonia e i compromessi dell’industria culturale e letteraria) va alla ricerca del carattere nazionale degli italiani individuato nelle contraddizioni di quegli anni quando il Paese è ancora diviso e invischiato tra fascisti e antifascisti anche se «il limite tra il giusto e l’ingiusto non è mai cancellato».

«Assorti in quel firmamento di luccichii e di brillii laggiù, nel cuore della tenebra…»

Al via la settima edizione di Scrittori&giovani

Posted on Updated on

Scrittori&giovani: il festival che fa leggere giovani e adulti
Edizione 2015 dedicata al gusto in memoria di Vassalli

Dal 26 al31 ottobre 2015, con uno spettacolo teatrale di Lucilla Giagnoni a ingresso gratuito dedicato a Vassalli nella prima serata, torna la settima edizione del festivalinternazionale Scrittori&giovanitra Novara e laghi Maggiore e d’Orta confermando il successo della formula: la rassegna ospita e presenta grandi autori nazionali e internazionali – negli anni passati Pennac, Grossman, Adonis, Evtushenko, Larsson, Falcones, Magris e Lucarelli tra gli altri – che i giovani incontrano dentro e fuori le loro scuole con un’apertura anche al pubblico adulto.
Quest’anno il festival diretto da Roberto Cicala propone Larsson, Mastrocola, Cavina, Goemans, Siti e Ziarati, tra gli scrittori invitati, di cui diversi hanno attualmente libri nella classifica dei più venduti, dal premio Campiello Balzano alla Caboni e Romagnoli tra narrativa e saggistica.
Gli istituti “adottano” uno scrittore e leggono i suoi libri grazie a una distribuzione di copie gratuite che è il tratto originale e distintivo del festival: quest’anno sono oltre 500 le copie messe a disposizione e, in attesa di contributi ancora da confermare, è prevista una nuova distribuzione per continuare a leggere gli autori prescelti durante tutto l’anno.
L’obiettivo come sempre è quello di diffondere il piacere e l’interesse della lettura e avere la grande opportunità di trovarsi faccia a faccia con personalità del panorama letterario internazionale. UInoltreb quest’anno si è deciso di rendere più protagonsiti i docenti lasciando a loro il ruolo di presentatori e moderatori dgeli incontri nelle scuole suepriori provinciali, a Novara, Romentino, Borgomanero, Gozzano e Arona.

Il tema del “gusto” è legato proprio alle parole e al piacere delle parole più che all’enogastronomia, come proposta controcorrente in occasione di Expo, che ha dato il patrocinio ufficiale, dal momento che lo slogan “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” vale anche per la letteratura. Infatti le parole dei libri sono sempre un cibo interiore per vivere meglio.

Il festival Scrittori&giovani è promosso dal Centro Novarese di Studi Letterari con la segreteria operativa di Interlinea, con il contributo di Regione Piemonte, Assessorato alla cultura; Fondazione CRT; Comune di Novara-Biblioteca Civica Negroni e la collaborazione da quest’anno anche della nuova sede di Novara del Circolo dei Lettori di Torino, oltre ad altri enti e istituzioni novaresi, dalla Fondazione Faraggiana all’Istituto Storico della Resistenza oltre all’Ufficio Scolastico Provinciale, Ministeri Istruzione e Cultura, Università del Piemonte Orientale, Fondazione della Comunità del Novarese Onlus, ATL di Novara, Centro Europeo di Formazione, Libreria Lazzarelli, La Talpa e Feltrinelli di Arona, senza dimenticare la Provincia di Novara.
Alcuni appuntamenti sono stati pensati apposta per il coinvolgimento del pubblico giovane, portando nelle scuole autori che possano parlare ai ragazzi dei loro libri ma anche della loro esperienza umana. Altri appuntamenti sono aperti anche al pubblico adulto, coinvolgendo in maniera attiva tutta la cittadinanza, come avverrà lunedì 26ottobre alle ore 18 alla Biblioteca Civica Negroni con Cristina Caboni, alle ore 21 al Teatro Salesiani a ingresso libero con uno spettacolo di Lucilla Giagnoni, Acquadoro, tratto dal romanzo di Sebastiano Vassalli L’oro del mondo, martedì 27 ottobre dalle ore 20 con la cena d’autore con Bjorn Larsson e venerdì 30 ottobre alle 17 con Angelo Del Boca alla Libreria Lazzarelli e alle 18,30 con il premio Campiello Marco Balzano al Circolo dei Lettori di Novara, prima dle bookcrossing finale all’Angolo delle Ore di sabato pomeriggio dalle ore 15.

Questa edizione 2015è dedicata interamente a Sebastiano Vassalli, presente come autore ospite e consulente del festival fin dalla prima edizioni. Oltre allo spettacolo di lunedì sera si ricorderà lo scrittore che in questi giorni avrebbe compiuto 74 anni con citazioni dei suoi libri esposte nello scalone della Biblioteca Civica Negroni durante i giorni del festival.

Scrittori&giovani avvicina alla lettura i giovani, e non solo, anche con nuove esperienze. Il festival infatti diventa un progetto culturale a 360 gradi per accostarsi in modo attivo al mondo della scrittura, della cultura e dei libri. In particolare le proposte di quest’anno sono riguardano un laboratorio di redazione giornalistica per studenti, con la realizzazione di una newsletter finale del festival, su carta e in formato digitale, con news sul sito del festival, con concorso per i tre migliori articoli dedicati a un incontro o un libro del festival e infine un laboratorio editoriale di avvicinamento al mondo e alle professioni del libro per i giovani. I progetti verranno avviati sulla base delle disponibilità e delle richieste.

Infine Scrittori&giovani aderisce all’iniziativa “Libriamoci. Giornate di letture nelle scuole” promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali con il Centro per il libro e la lettura e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: www.libriamociascuola.it