Edizioni passate

Prima edizione 2006 – Il sogno
La primissima edizione di Scrittori&giovani è dedicata al tema del “sogno”.
I libri sono sogni e talvolta sono uno straordinario specchio della realtà. Ce lo insegnano i grandi scrittori. “I sogni sono irrinunciabili e la parola scritta è la grande depositaria dei sogni” confessa Luis Sepúlveda nella sua opera Il potere dei sogni. Ed è proprio l’autore cileno a inaugurare questa prima edizione del festival. Tra gli altri segnaliamo anche Enrico Brizzi, Silvia Ballestra, Tim Parks e Melania Mazzucco.

Scrittori&giovani programma 2006

Seconda edizione 2007 – Le radici
La seconda edizione del festival internazionale Scrittori&giovani si concentra sul tema delle “radici”, declinato in vari aspetti e in vari modi. Come dice uno degli autori invitati, Tahar Ben Jelloun, protagonista dell’incontro conclusivo del 12 maggio: “Le radici non le lasci. Sono e saranno comunque tue, fanno parte di te. Quando ti sposti hai come primo bagaglio i valori che hai mangiato e digerito”.  Sandra Cisneros dà voce appassionata alla condizione dei chicani e delle minoranze del continente americano; Younis Tawfik racconta l’Iraq visto con gli occhi di un profugo; Bijan Zarmandili tratteggia l’estate crudele di una giovane coppia iraniana tra amore e impegno politico; Xiaolu Guo propone il viaggio di una ragazza cinese che lascia con molti rimpianti la sua patria e si immerge in una Londra che si rivela più amara del previsto; Cees Nooteboom, altro ospite straniero, fa attraversare gli infiniti luoghi in cui ha vissuto e in cui ha lasciato una parte di sé.
L’apertura della rassegna è un incontro corale con Claudio Magris, che ha fatto delle origini giuliane e dei rimandi alla cultura mitteleuropea il filo rosso della propria scrittura, in un crogiolo di culture dove maturano anche le esperienze di Giuliana Morandini. Un’altra delle presenze femminili di questa edizione di Scrittori&giovani è la giallista Margherita Oggero. Radici sono anche la passione civile, la ricerca della verità e il disvelamento delle ipocrisie dell’Italia di oggi secondo Andrea De Carlo ed Enrico Brizzi. E accanto alle storie della letteratura non manca l’accostamento alla Storia con la “S” maiuscola, grazie ad Alessandro Barbero e a un maestro della letteratura come Sebastiano Vassalli.

Scrittori&giovani programma 2007

Terza edizione 2008 – La libertà

“Libertà” è il tema scelto per la terza edizione del festival, declinato come al solito in vari modi e maniere, politica o morale, materiale o intellettuale.
I figli della libertà di Marc Levy, libro di uno degli scrittori francesi più letti del mondo, apre la rassegna. Ma la libertà sta dentro anche la fisica teorica – e la solitudine – dei numeri primi, come propone la rivelazione Giordano in un romanzo da primi posti in classifica; oppure sta in tre metri sopra al cielo per Moccia; o nel non essere una “barca nel bosco”, per usare un titolo fortunato della Mastrocola; o in un diario di confessioni intime secondo la giovane Lerro; o nelle orme del passato tra il lago d’Orta e Patagonia per la Pariani; la libertà può essere anche una chimera secondo Vassalli o la poesia secondo Evtushenko. Questi alcuni degli autori, ma molti altri sono stati presenti (anche) nelle scuole, come Margehrita Oggero, Guido Conti, Chiara Gamberale, Alessandro Perissinotto, Gian Luca Favetto, Giulia Carcasi, Alessandro Barebro, Benedetta Cibrario.

Scrittori&giovani programma 2008

Scrittori&giovani newsletter 2008

Quarta edizione 2009 – Il viaggio

Se è vero che i libri sono mondi nei quali viaggiare – con la mente, la fantasia o il cuore – chi ci può fare da accompagnatore o guida meglio di uno scrittore? Per questo il “viaggio” è il tema scelto per la quarta edizione di Scrittori&giovani.
La rassegna sceglie in quest’anno nomi di grande respiro internazionale come Grossman, Pennac, Adonis, accostandoli ad autori fortemente voluti dai giovani delle scuole (Missiroli, Lucarelli e Culicchia). Altri nomi internazionali sono Markaris, Salmon e Wieringa. Non mancano pagine al femminile di Laura Bosio e Anna Lavatelli.

Scrittori&giovani programma 2009

Scrittori&giovani newsletter 2009

Quinta edizione 2011 – Il coraggio

Il “coraggio” è il tema al centro della quinta edizione.
Può essere il coraggio della fantasia del pirata John Silver di Bjorn Larsson, che apre il festival lasciando poi il posto a una donna giornalista che ha avuto il coraggio di scrivere Lettera a un bambino mai nato, Oriana Fallaci, ricordata da Marcello Veneziani. Antonio Scurati guarda poi al futuro mentre Laura Bosio racconta di una bambina sognatrice che resiste con tutte le proprie forze al mondo adulto. Gli altri autori presenti sono Ildefolso falcones, don Gino Rigoldi, Sebastiano Vassalli e Donato Carrisi.

Scrittori&giovani programma 2011

Scrittori&giovani newsletter 2011

Sesta edizione 2014 – Le origini
Dopo alcuni anni di fermo, dal 2014 torna il festival Scrittori&giovani con molti nomi interessanti del panorama internazionale e nazionale, con il tema delle “origini” declinato in vari modi.
Come l’origine di un genio in Morten Brask, l’origine di una provenienza in Ishmael Beah, l’origine di una nuova famiglia in Paolo Giordano. Molti altri gli scrittori presenti, tra cui Antonio Ferrara, Mauro Corona, Andrea De Carlo, Edoardo Boncinelli, Barbara Baraldi, Luis Sepúlveda, Younis Tawfik, Simone Sarasso, Giorgio Fontana, Fabio Geda, Laura Pariani e Laura Bosio.

Scrittori&giovani programma 2014

Scrittori&giovani newsletter 2014

Settima edizione 2015 – Il gusto
L’edizione 2015 ha come tema il “gusto”. Il gusto delle parole è l’esperienza che Scrittori&giovani vuole proporre in occasione di Expo Milano 2015, il cui slogan “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” vale anche per la letteratura. Le parole dei libri sono un cibo interiore per vivere meglio.
“Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso” ha scritto Pennac, uno degli ospiti delle passate edizioni del festival. Leggere è un atto di cultura ma anche di svago; il desiderio di atti come scrivere e leggere diventano momenti essenziali della vita. Negli incontri tenutisi in occasione di Scrittori&giovani il gusto è quello di volare per la Goemans, di viaggiare in mare mare per Larsson o senza bagaglio a mano per Romagnoli, di “scoprire la forza sterminata” dell’umanità per Doninelli, ma è anche il gusto dei racconti che nascono dalla Storia per Barbero, oppure il gusto delle parole in poesia secondo Siti, o ancora il gusto di raccontare come preparare una pizza per Cavina, fino ad arrivare al gusto agrodolce dell’emigrazione nel libro premio Campiello di Balzano. Dopotutto anche per Snoopy “leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono”.

Scrittori&giovani programma 2015

Scrittori&giovani newsletter 2015

Ottava edizione 2016 – Il tempo
Il “tempo” è il tema dell’edizione 2016, sia reale che immaginario. Il tempo segna il passato di tutti noi, ma soprattutto quello dei giovani, sospesi tra il passato studiato a scuola e il futuro sognato nella vita.
Il primo pensiero quando si parla di tempo nel campo della letteratura va a Marcel Proust e al suo Alla ricerca del tempo perduto, Proust che scriveva “il tempo di cui disponiamo ogni giorno è elastico: le passioni che proviamo lo dilatano, quelle che ispirano lo restringono, e l’abitudine lo riempie”. Ma anche Joanne Harris, l’autrice di Chocolat, si domanda: “Che cosa porteresti con te su un’isola deserta?”. Per Amos Oz è il tempo del tradimento necessario, come quello di Giuda, e per Erri De Luca è il tempo delle verità da scoprire quando “da lontano uno crede di vedere un varco, poi da vicino, da dentro, non lo trova più″. Ma è anche il tempo degli incontri inattesi che “ci sfuggono di mano” come capita ai protagonisti del romanzo di Sveva Casati Modignani. Gli autori del festival narrano inoltre il tempo storico della Grande Guerra (da Biondillo a Vaggi) e quello contemporaneo di Ehsani (dall’Afghanistan all’Italia) o di Mazzariol, lasciando sempre spazio all’amore, come avviene nei libri di Elena Varvello, Valeria Montaldi e Paolo Di Paolo. Il tempo s’intreccia fra cronaca e storia nelle pagine di Scardigli, con implicazioni nell’arte in Tim Parks e nell’attualità nel libro di Paul Beatty, ma anche di Fois a proposito della “lettura creativa” e di Zaccuri nel confronto tra padri e figli, dunque fra età e tempi diversi.

Scrittori&giovani programma 2016

Scrittori&giovani newsletter 2016

Concorso booktrailer


Facci sapere cosa ne pensi: è importante!